Vai al contenuto

Marco Felluga

08/03/2010

More than a century has gone by since the first Felluga’s history (Marco’s Great-grandfather) interwined with that of wine. Isola d’Istria, on the coast, was the production point of origin of Malvasia and Refosco. The Great War had just finished and it was a happy destiny that made the family set foot in Grado, on the other side of the Gulf, and then in Friuli. Only a handful of kilometres, but the scenery changed radically. It was here that Giovanni’s second to last son, Marco, as his grandfather before him, discovered, fell in love with and chose to live in that area called Collio which has always had the vine and wine at its heart. Marco began his training at the prestigious Oenological School of Conegliano and it is he who directed the family business towards the path of innovation with an emphasis on quality and research which is now carried on by his son Roberto, representing the fifth generation, with renewed passion and devotion. He is now at the head of the two prestigious wineries located in the Collio Doc, Marco Felluga in Gradisca d’Isonzo and Russiz Superiore in Capriva del Friuli.

The Collio is a special land, its landscape covered by mountains, streams and gentle hills. It is here that the family found it impossible to resist the pull of the wine and the land which they knew instinctively to be a soil rich with potential. The intuition proved true as this area would be one of the first in Italy to be acknowledged with the title DOC in 1964. The climate here is mild, thanks to the proximity of the Adriatic sea (30 km far away) and the protection of the mountains, the Pre Julian Alps, with hot days and cool nights during spring (important changes of temperature between day and night) and delicate and mild summers. Each hill has its own microclimate, and the soil, rich of marl and sandstone stratification, is the ideal habitat for vineyards and for the cultivation of the special grape varieties particular to the Collio Doc. This type of soil, called “flysch” (“ponca” in the Friulano language), is due to the phenomenon of the water erosion which took place 100 million years ago.

Marco Felluga: the Lion of Collio

The winery Marco Felluga was founded by Marco with his own name in the Fifties in Gradisca d’Isonzo, which in the fourteenth century was a fortified citadel of the Venetian Republic La Serenissima. Its city walls were designed by Leonardo da Vinci, a gateway to the Collio. Marco Felluga vineyards extend over 100 hectares (some family owned, some family operated) with a larger production of white wines, obtained from both autochthonous and international grapes. The same attention to detail used to determine the best grape selection is also used in the winemaking, a blending of traditional practices and modern techniques. Each wine has its own fermentation and maturation process.

Russiz Superiore: the Eagle of Collio

Located in Collio, precisely in the village of Capriva del Friuli, lies the pride of the Marco Felluga family. The history of the estate Russiz Superiore begins at the end of 1200 and its name comes from the denomination of the hills around it. The eagle of Russiz Superiore is reminiscent of the original emblem given to the land by the prince Torre-Tasso, one of the the first Lords of these lands, who came in Friuli in 1273. Noble insignia, nobles wines and noble families came one after the other over time till Marco Felluga. Today his son Roberto runs the business with the same entrepreneurship and passion inherited by his father. The estate is comprised of one hundred hectares of estate property, fifty of which are vineyards with an average plant density of more than six thousand plants per hectare, and a white wine production larger than red. Whether white or red, the hills of Russiz Superiore provide the ideal environment for grape production due to its geomorphology and special climate.

_______________________________________________________________________

Più di un secolo è passato (seconda metà del 1800) da quando il primo Felluga (il bisnonno di Marco) incrociò la propria storia con quella del vino. Isola d’Istria, sul mare, era il posto delle origini della produzione di Malvasia e Refosco d’Istria. Appena finita la Grande Guerra, un felice destino, subito dopo, fece porre i piedi alla famiglia dall’altra parte del golfo, a Grado e poi in Friuli. È una manciata di chilometri, ma lo scenario cambia radicalmente e con esso cambiano le vicende dei Felluga. È qui che Marco, figlio di Giovanni, scopre, ama e sceglie di vivere quella parte vocata da sempre alla vite ed al vino che si chiama Collio. Formatosi alla prestigiosa scuola di enologia di Conegliano, a lui si deve il percorso dell’innovazione, della qualità e della ricerca, che oggi è continuato dal figlio Roberto, quinta generazione, con rinnovata passione e dedizione. È lui oggi a condurre le due aziende prestigiose che hanno sede nel Collio Goriziano.

È il Collio una terra speciale, dai rilievi appena abbozzati e segnata da morbide colline. Per la famiglia Felluga il richiamo del vino è irresistibile, anche grazie all’intuizione che quella terra è ricca di prospettive: infatti, sarà una delle primissime zone in Italia ad ottenere il riconoscimento DOC nel 1964. Il clima è mite, grazie alla vicinanza del mare Adriatico (30 km) e alla protezione delle montagne, le Prealpi Giulie, ideale per la viticultura, con giorni caldi e notti fresche in primavera ed estati miti e delicate. Ogni collina ha il proprio microclima, ed i terreni arenari e marnosi sono l’habitat ideale per i vigneti e la coltivazione delle uve del Collio. Questo tipo di terreno, caratterizzato dalla stratificazione di marna e arenaria, “flysch” (“ponca in friulano”), ha avuto origine circa 100 milioni di anni fa nell’era eocenica dal fenomeno dell’erosione.

Marco Felluga: è il Leone del Collio

L’Azienda Marco Felluga, fondata con il proprio nome da Marco negli anni ’50, è a Gradisca d’Isonzo, caratteristica cittadella fortificata quattrocentesca voluta dalla Serenissima Repubblica di Venezia, cinta un tempo dalle mura disegnate da Leonardo da Vinci, che aprono le porte al Collio goriziano. I vigneti si estendono per 100 ettari (di proprietà e conduzione) con una maggiore produzione di vini bianchi, ottenuti da vitigni sia autoctoni che internazionali. La stessa cura riposta nella selezione e nella coltivazione dei vitigni continua nella fase della vinificazione, durante la quale si uniscono e si fondono sapienza antica e tecniche moderne. Ciascun vino ha un proprio tempo ed un proprio luogo di fermentazione e maturazione.

Russiz Superiore: è l’Aquila del Collio

Nel Collio Goriziano, precisamente nel comune di Capriva del Friuli, si estende la tenuta di Russiz Superiore. La storia dell’azienda ha inizio alla fine del 1200 e il nome ha origine dalla denominazione delle colline su cui si estendono i vigneti. L’ aquila di Russiz Superiore deriva dall’emblema che fu dei principi di Torre Tasso, tra i primi signori di queste terre, giunti in Friuli nel 1273. Nobile insegna, nobili vini, nobili famiglie si sono succedute nel tempo fino a Marco Felluga. Oggi il figlio Roberto conduce l’azienda con l’imprenditorialità e la passione che ha ereditato dal padre. Dei 100 ettari della proprietà, 50 sono coltivati a vigneto, con una densità di impianto di oltre 6.000 ceppi per ettaro e una produzione di vini bianchi superiore ai rossi. Entrambe le qualità trovano in queste dolci colline un ambiente con caratteristiche geomorfologiche e climatiche speciali.

Annunci

Marchesi di Gresy

08/03/2010


Alberto di Grésy was born in Milan on June 1, 1952, where he completed his studies and graduated from the Bocconi University with a Doctorate in Business Administration.

Growing up with a passion for the land and the wine, he spent many weekends and most of his summer vacations at Villa Giulia. This 19th century hunting lodge, built by his grandfather, Carlo, is located on the hill called Monte Aribaldo in the heart of the Piedmont region. He supervised the agricultural operations of the family estates and concluded early on that he didn’t want to limit himself to selling the grapes from his vineyards to the finest wine producers in the area as was the tradition in the Langhe. In 1973 Alberto di Grésy began vinifying his own wine: his objective was to produce wine with the best available technology while respecting tradition, and to transfer as much as possible of the character and personality of the terrain vineyard site, and varietal into the bottle.

The Tenute Cisa Asinary dei Marchesi di Grésy, made up of three estates situated in the Langhe and in the Monferrato zones, is recognized for producing the greatest wines in the Piedmont region. The MARTINENGA estate in the Langhe near Alba grows primarily Nebbiolo grapes for the production of Barbaresco d.o.c.g. as well as Barbera and Cabernet Sauvignon. Also, at Martinenga, are newer vineyards of Sauvignon Blanc and Chardonnay. Nearby in the Commune of Treiso d’Alba is the MONTE ARIBALDO estate where Dolcetto d’Alba d.o.c. is grown along with Chardonnay and Sauvignon d.o.c.. In Monferrato, in the Commune of Cassine, the LA SERRA and MONTE COLOMBO estates produce Moscato d’Asti d.o.c.g., Barbera d’Asti and Merlot (Monferrato Rosso) d.o.c.

MARTINENGA
Famous in ancient Roman time when the estate was known as Villa Martis, today Martinenga’s 11 hectars (29.5 acres) vineyards of Nebbiolo for Barbaresco d.o.c.g. are considered to be one of the greatest single vineyards, dedicated to the production of the Barbaresco. With ideal southern exposure and the particular composition of the soil (blue marl) the diligent work of Martinenga’s grape growers produce fruit that is transformed into a Barbaresco of extraordinary class, race and finesse. The favourable microclimate allows Martinenga to grow grapes of high quality even in difficult vintages, thanks to careful selection of grapes. This is the most important guarantee that Martinenga can offer to the consumer. The production of Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Grésy takes place at the central winery located in Martinenga. The winery, recently expanded, is equipped with a “state of the art” plant which provides the means to produce products of the highest quality, with respect to the oenological tradition from grapes grown in the various estates which di Grésy owns.

MONTE ARIBALDO
The estate, only two kilometers from Martinenga, is on the hill of Monte Aribaldo in the commune of Treiso d’Alba. On the summit one can see the Villa Giulia Grésy, the 19th century hunting lodge of the family’s. From the villa’s gardens one has a splendid view of Piedmont framed by the noble peaks of the Alps. The vineyard extends along the hill with a mixed terrain of calcareous and volcanic soil with an average elevation of 360 meters (1200 feet).

The variety product at Monte Aribaldo are the Dolcetto d’Alba, the Chardonnay and the Sauvignon d.o.c..

LA SERRA
This property is located in the commune of Cassine (AL) on the road that connects Ricaldone and Alice Bel Colle. The vineyard is planted mainly with Moscato d’Asti d.o.c.g.., and more recently with Barbera d’Asti d.o.c. and Merlot (Monferrato Rosso) d.o.c..The vineyards cover the hill from the ridge to the road that runs down the valley. In the heart of the estate is the farmhouse surrounded by quiet hills and vineyards.

MONTE COLOMBO
The vineyard, that rises on the hill close to La Serra in the Commune of Cassine, is divided between Barbera d’Asti d.o.c. and Merlot (Monferrato Rosso d.o.c.). The microclimate present combined with the clay based soils provide a highly vocated position which is well suited to the production of grapes for important red wines.

_______________________________________________________________________

Alberto di Grésy nasce a Milano il primo Giugno 1952, dove compie gli studi e si laurea in Economia Aziendale all’Università Bocconi.

Cresce con la passione delle terre e delle vigne, trascorrendo i fine settimana e buona parte delle vacanze estive a Villa Giulia, la casa di caccia che nonno Carlo aveva fatto costruire nel 1900 sul colle Monte Aribaldo, vicino a Treiso. Segue, partecipa e sovraintende alle varie operazioni agricole, rendendosi conto ben presto che è un peccato limitarsi a vendere le uve di proprietà alla più qualificata enologia albese, secondo una precisa tradizione di langa; dal 1973 inizia le vinificazioni in proprio: I’obbiettivo è di operare al meglio nel rispetto della tradizione e di trasferire, quanto più possibile, il carattere e la personalità del territorio di origine dal vigneto alla bottiglia.

Le Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Grésy comprendono tre aziende agricole situate nelle Langhe e nel Monferrato, luoghi di produzione dei più grandi vini piemontesi.

Nelle Langhe, a Barbaresco presso Alba, MARTINENGA (di proprietà della famiglia di Grésy dal 1797) produce soprattutto uve Nebbiolo da Barbaresco d.o.c.g., ma anche uve Barbera e Cabernet Sauvignon d.o.c.; impianti più recenti riguardano Chardonnay e Sauvignon d.o.c.. Poco distante, in Comune di Treiso d’Alba, MONTE ARIBALDO è sede di un vigneto atto a produrre uve Dolcetto d’Alba d.o.c., Chardonnay e Sauvignon d.o.c.. Nel Monferrato, in Comune di Cassine,LA SERRA e MONTE COLOMBO producono uve Moscato d’Asti d.o.c.g., Barbera d’Asti e Merlot (Monferrato Rosso) d.o.c..
MARTINENGA
Già famosa al tempo degli antichi Romani con il nome di Villa Martis, oggi Martinenga, con i suoi oltre 11 ettari in un solo corpo impiantati con il nobile vitigno Nebbiolo da Barbaresco a d.o.c.g., è considerata in assoluto il miglior vigneto di Barbaresco.
La perfetta esposizione a mezzogiorno, la caratteristica composizione del terreno (marna azzurra) ed il lavoro esperto dei vignaioli, si traducono in vini di classe superiore, grande razza e finezza. Il microclima, eccezionalmente favorevole, consente di ottenere prodotti di alta qualità anche in annate non ottimali, a patto di severe selezioni: questa è la più grande garanzia che Martinenga può offrire al consumatore.
Martinenga è il centro aziendale: nelle sue cantine, recentemente ampliate e dotate di nuovi impianti per ottenere prodotti di alto livello qualitativo nel rispetto della tradizione, vengono conferite e vinificate le uve provenienti dagli altri vigneti di proprietà.

MONTE ARIBALDO

La Tenuta, distante solo 2 chilometri da Martinenga, sorge sul colle omonimo in comune di Treiso d’Alba, sulla cui sommità è situata Villa Giulia Grésy, una casa di caccia della fine del secolo scorso.
Dai suoi giardini si ha una splendida veduta di tutto il Piemonte, contornato dalla cerchia maestosa delle Alpi. Il vigneto si estende tutt’attorno la collina su un terreno misto di calcare e tufo, con un’altezza media elevata (360mt).

Le varietà prodotte a Monte Aribaldo sono il Dolcetto d’Alba, lo Chardonnay e il Sauvignon d.o.c..

LA SERRA
Questa proprietà si trova in comune di Cassine (AL), sulla strada che conduce a Ricaldone e Alice Bel Colle.
L’impianto è Moscato d’Asti d.o.c.g., Barbera d’Asti d.o.c. e Merlot(Monferrato Rosso d.o.c.).
Il vigneto, perfettamente esposto a mezzogiorno, ricopre la collina dal crinale alla strada che scorre in valle; al centro vi è la cascina, immersa tra colli silenziosi ricoperti di vigne.

MONTE COLOMBO

Il vigneto che sorge sulla collina adiacente a La Serra ha un sesto impianto ad elevata densità di Barbera D’Asti d.o.c. e porzioni di Merlot (Monferrato Rosso d.o.c.). Il terreno, esposto a sud, è argilloso, con caratteristiche pedoclimatiche altamente vocate alla produzione di uve per vini rossi importanti.

Fattoria La Valentina

08/03/2010
by

Fattoria La Valentina was established in 1990 in Spoltore, in the hills near Pescara.

Following the early years of research in the Santa Teresa vineyard, the winery’s objective and passion became the quest for quality and the desire to promote the Abruzzese DOCs.
Two new developments representing our progress with this goal occurred in 1998: the Binomio project was established, and Luca D’Attoma took over the technical management of the cellars and vineyards.
We began to understand, respect and care for our land a little more in order to obtain healthier, more authentic wines every year. We make increasing use of farming methods that limit the use of chemicals and technology since we are convinced that this is the way to improve in quality.
We interfere as little as possible in the land’s natural processes, adhering to the idea that “The premise for the DOC is the mark the vine leaves on its grapes”. Our wines are made by nature and our work should not inhibit the expression of the vine. We seek to respect the fruit of our land both on the vine and in the bottle, and to practice winemaking that allows for the fullest expression of our region’s special qualities.
Thanks to the features of the microclimate and region and vines well-suited to this land, our wines have a distinctive and unique character. The nearby forests, hills or mountains, and the varying winds are all determining factors in expressing the vine’s originality.
Hence our wines: Binomio, made exclusively from the grapes of a 4-hectare vineyard in San Valentino in Abruzzo Criteriore; Bellovedere and Spelt, from grapes from the Spoltore vineyards.
Our aim is to make consistently authentic wine.

_________________________________________________________________________

Fattoria La Valentina nasce nel 1990, nel comune di Spoltore, sulle colline vicino Pescara.
Dopo i primi anni di studio sul vigneto di Santa Teresa, la passione per la ricerca della qualità e la voglia di valorizzare le D.O.C. abruzzesi hanno preso il sopravvento diventando l’obiettivo principale dell’azienda.

Abbiamo iniziato a comprendere meglio la nostra terra curandola e rispettandola, al fine di ottenere ogni anno vini qualitativamente più sani e veri, e con la convinzione che deriva dal miglioramento qualitativo, nel rispetto assoluto dell’equilibrio biologico, abbiamo applicato in maniera crescente, di anno in anno, un metodo che non prevede l’uso sfrenato della chimica e della tecnologia.

Ci siamo imposti di intervenire il meno possibile nei processi della natura, basandoci sull’idea che “ Il presupposto della Doc è il segno della vite sulla propria uva”. Il nostro lavoro non deve impedire alla vite di esprimersi, garantendo il mantenimento della fertilità della terra, deve invece rendere sane le piante in modo che possano autonomamente resistere alle malattie ed ai parassiti, al fine di produrre alimenti di qualità e sanità più alta possibile.

I nostri vini sono prodotti dalla natura attraverso l’unicità dei nostri terroir, che cerchiamo di rispettare anche in bottiglia, e che sono il segreto dei particolari sapori. Il microclima, il terreno legato a vitigni ben adattati, danno vini dal carattere marcato e unico. Partendo dalla convinzione che un buon vino nasce dalla somma di tanti piccoli particolari, l’obiettivo non è solo di fare un vino sempre buono, ma anche sempre vero.

Inama

08/03/2010

Soave Classico

Producing classic wines from the Veneto is our passion. In the 1950s Giuseppe Inama, the estate’s founder, began purchasing small plots of vineyards in the heart of the Soave Classico region using nothing more than his savings – at that time, few understood the area’s potential. But Giuseppe was a believer. His idea was to assemble only top quality vineyards of old-vine Garganega and fashion from them a wine capable of restoring Soave’s reputation.

Today our estate comprises more than 25 hectares of vineyards in the very heart of the Soave Classico. In the 1990s we decided to expand our production to include red wines and, after much research, settled on the Colli Berici, a system of terrarossa hills some 15 kilometres (10 miles) east of Soave in the neighbouring province of Vicenza. At first glance the two zones appear to have little in common but they share one fundamental element: the possibility to produce wines reflecting a unique terroir.

Each terroir is best expressed through a different variety. In the Soave Classico appellation the steep hills and the meagre basalt soils are carpeted with Garganega. An intensely aromatic variety, it was first planted here by the Romans and was originally known as “Grecanicum”, a reference to its Greek origins, although it arrived here from Sicily via Campania where its cousin, Greco, is still widely planted. Isolated from its family, it gradually mutated through hundreds of generations. The name changed and so did the vine: its current, floral iteration gives voice to the inimitable blend of Alpine and Mediterranean influences found in Soave.

Colli Berici

The story of the Colli Berici is a similar but more modern tale and is even more exciting. The mineral-rich terrarossa here was colonized with Carmenère in the middle of the 19th century by emigrants returning from Aquitaine. In those days jobs were scarce and many agricultural workers followed the harvest around Europe, inevitably finishing the season in northern France. Bordeaux was in its heyday and cuttings of Carmenère, a popular grape, were willingly brought back to the Colli Berici. Fast forward 150 years and Carmenère is already considered a local variety in the hot, dry climate of the Colli Berici. In fact, our plants are beginning to show subtle differences from their French relations. Who knows what it might be called in another millennium

_________________________________________________________________________

Soave Classico

A partire dai primi anni Sessanta Giuseppe Inama iniziò ad acquistare piccoli appezzamenti sulle colline del Soave Classico. Nonostante il Soave fosse il vino bianco italiano più famoso nel mondo, pochi avevano compreso quanto sarebbe stato importante possedere la miglior terra per assicurare un futuro di continuità qualitativa al proprio vino. L’intuizione del fondatore fu proprio quella di capire che un giorno il territorio del “Classico” sarebbe stato indispensabile per produrre vini irripetibili altrove. Vini minerali e floreali, con equilibrio ed eleganza per corrispondere pienamente al concetto di vino al di sopra delle mode.

Oggi questa proprietà conta su circa 25 ettari. La vocazione, unica per le uve bianche, è data dalla natura vulcanica del terreno: un basalto lavico puro, il solo con tali caratteristiche nel nord Italia. In epoca Romana fu subito vitato probabilmente con un antico Grecanicum divenuto poi Garganega nell’accezione locale. Pertanto, è cosa nota che la Garganega, principale e per noi unica uva per la produzione del Soave Classico, ha qualcosa come almeno 2000 anni di residenza sul territorio.

Come in molte altre aree viticole italiane, negli anni ‘80 e ‘90 sono state introdotte alcune parcelle di vitigni francesi, nel nostro caso Sauvignon e Chardonnay.

Il progressivo ritorno in auge del Soave Classico ha relegato tale operazione ad una positiva esperienza legata ad un particolare momento storico.

Di notevole importanza è stata però l’esperienza ricavata dalla combinazione tra il territorio e questi vitigni non “adattati” allo stesso. In breve tempo ci si è resi conto che in un’area di grande personalità è sempre il territorio con le sue caratteristiche a dominare il vitigno e non viceversa.

Questa esperienza ha aiutato a comprendere perché le vecchie pergole di Garganega esprimano determinati sapori, aromi ed eleganze solamente sulle colline del Soave Classico e non altrove, anche se a pochi chilometri di distanza.

E’ stata pertanto nostra scelta quella di mantenere quanto più possibile gli impianti di vecchie viti al fine di massimizzare queste caratteristiche.

Colli Berici

Nella seconda metà degli anni Novanta, una piccola vinificazione di uve provenienti dai Colli Berici ha segnato l’inizio della produzione di vino rosso. Situato a pochi chilometri a sud-est dalle colline di Soave, nella parte a sud della provincia di Vicenza, questo sistema collinare non potrebbe essere più diverso dall’area del Soave Classico.

Generato da un antico bradisismo, è segnato a sud-ovest da una lunga dorsale regolare di origine calcarea ricoperta da terra rossa (limoargillosa e ricca di ossido di ferro). Ha piovosità inferiore all’area del Soave Classico e profilo di temperature estive superiore.

Fin dalle prime prove, ci siamo resi conto che i Colli Berici possiedono una potenzialità inesplorata per la produzione di vini rossi. In particolare il Carmenère, vitigno presente nell’area da più di un secolo, può dare vita ad un vino che riteniamo non aver pari nel suo genere. Si tratta di una vecchia varietà di origine bordolese trasferita nel nord-est d’Italia dagli emigranti al loro ritorno dal lavoro in Francia, a partire dalla seconda metà dell’Ottocento. Le caratteristiche del Carmenère sono ben diverse dagli altri vitigni bordolesi, in particolare dal Cabernet Franc, con il quale è stato confuso per lungo tempo in Italia a causa della similitudine morfologica della foglia. Sui Colli Berici il Carmenère può arrivare a produrre vini concentratissimi e di piena maturità aromatica.

E’ in questo territorio, sconosciuto ai più sia da un punto di vista geografico che viticolo, che abbiamo deciso di sviluppare la nostra proprietà per la produzione di vini rossi di alto lignaggio.

Acquisizioni, nuove messe a dimora ed affitto di vigneti hanno portato in pochi anni il patrimonio vitato ad oltre venti ettari, tra cui: Carmenère, Cabernet Sauvignon, Merlot e Raboso Veronese. Le vigne vanno dagli oltre 40 anni di età di alcune parcelle fino a recenti ultimi impianti, tutti allevati a Guyot.

Casanova di Neri

08/03/2010
by

The Casanova di Neri farm began in 1971 when Giovanni Neri bought a large estate within the territory of Montalcino.

Over the years our continuing goal has been the search for and purchasing of land which we believe to be optimal for growing high quality grapes. The result is that today we have about 36 hectares of vineyards divided between four quite distinct areas: il Pietradonice in Castelnuovo dell’Abate, le Cetine in Sant’Angelo in Colle, il Cerretaltoand il Fiesole near the farmhouse of the same name facing Montalcino.

As the grapes have improved in quality so more care and attention has been taken in the winery from the vinification to the use of casks of differentsizes and made from different types of wood.

_________________________________________________________________

L’azienda Agricola Casanova di Neri nasce nel 1971, con l’acquisto da parte di Giovanni Neri di una vasta tenuta nel territorio di Montalcino.

Durante gli anni, la nostra costante è stata la ricerca e l’acquisizione dei terreni che ritenevamo eccellenti per ottenere uve di gran qualità. Questo ci ha portato ad avere oggi circa 36 ettari di vigneto suddivisi in quattro appezzamenti in posizioni diverse e ben distinte: il “Pietradonice” a Castelnuovo dell’Abate, “Le Cetine” a Sant’Angelo in Colle, il “Cerretalto” ed il “Fiesole” nei pressi dell’omonimo casolare di fronte a Montalcino.

Di pari passo al miglioramento qualitativo delle uve, è seguita la sempre maggiore attenzione e cura in cantina, partendo dalla vinificazione per continuare nell’uso di legni di diversa origine e dimensione.

Avignonesi

08/03/2010
by

Avignonesi consists of four wine-producing estates: Le Capezzine, I Poggetti, La Selva and La Lombarda. In total they comprise 225 hectares of open ground, 109 ha of vineyards and 3 ha of olive groves.

Fattoria “Le Capezzine” (altitude m 300)
Only a few kilometres from Montepulciano, close to the village of Valiano, stands the old farm estate Le Capezzine. It is the heart of the company and it has been impeccably restored. It contains spacious cellars for vinification, cellars for ageing and storing, the vinsantaia, the frantoio (the olive oil mill), warehouses and offices.The estate comprises 19 hectares, of which 7 hectares of vineyards divided as follows: 6 (Prugnolo Gentile) of albarello vines in the “settonce” pattern; 1 dedicated to density experimentation ranging from 2,000 to 8,500 vines per hectare with six different rootstocks; finally 0,4 hectares are dedicated to growing ancient varieties indigenous to Montepulciano and the surrounding area.

Estate “I Poggetti” (altitude m 290)
This estate is composed of two farms, all located within the boundary of Montepulciano, on the Argiano hills, where Avignonesi’s Vino Nobile has always been produced. The total land area is 68 hectares, 30 of which are used to cultivate Prugnolo Gentile, Mammolo and Canaiolo. Two hectares are planted with the Correggiolo variety of olives which are used to produce the green and aromatic extravirgin olive oil typical of Montepulciano.

Estate “La Selva” (altitude m 300)
La Selva is situated at Cignano, on the hills of the Chiuso di Cortona and consists of 4 farms – La Selva, Val di Capraia, Paggino and Pian dell’Oca, four superior locations dedicated to the cultivation of classical vine varieties. It covers a total area of 96 hectares, 51 of which are vineyards and 1 olive groves. Here are grown the Merlot, Cabernet Sauvignon, Chardonnay, Sauvignon Blanc.

Estate “La Lombarda” (altitude m 300)
This is a 42-hectare farm located close to Le Capezzine and within the uncontaminated countryside of the Chiuso della Valdichiana hills. The soil here is particularly well suited to vine growing. At the moment there are 20 hectares of new vineyards at high density, dedicated to Sauvignon Blanc, Pinot Nero and Merlot.

________________________________________________________________________

Avignonesi è composta da quattro unità produttive: Le Capezzine, I Poggetti, La Selva e La Lombarda, 225 ettari, dei quali 109 sono a vigneto e 3 ad oliveto.

Fattoria Le Capezzine (m. 300 s.l.m.)
A pochi chilometri da Montepulciano, nei pressi di Valiano, tra le colline del Chiuso della Valdichiana, sorge l’ottocentesca fattoria Le Capezzine. Restaurata con rigore, costituisce il cuore dell’azienda ed ospita ampie cantine di vinificazione, cantine per la maturazione, vinsantaia, frantoio, locali di stoccaggio, magazzini e uffici. L’edificio principale è destinato a foresteria. La fattoria comprende 19 ettari dei quali 7 sono a vigneto (Prugnolo Gentile) così ripartiti: 6 di vigna ad alberello a settonce ed 1 dedicato alla sperimentazione della densità di impianto da 2000 a 8500 viti per ettaro con sei diversi portainnesti; in fine 4 are sono dedicate all’allevamento sperimentale di vitigni autoctoni di Montepulciano e del territorio circostante.

Az. Agr. I Poggetti (m. 290 s.l.m.)
Questa azienda agricola è costituita da due poderi situati anch’essi nel comune di Montepulciano, sulle colline di Argiano, dove da sempre si ottiene il Vino Nobile Avignonesi. Ha una superficie totale di 68 ettari. Nei 30 ettari di vigneto si coltivano Prugnolo Gentile, Mammolo e Canaiolo. Due ettari sono piantati ad olivi della varietà Correggiolo da cui si ottiene l’olio extravergine di oliva verde e profumato tipico di Montepulciano.

Az. Agr. La Selva (m. 300 s.l.m.)
La tenuta La Selva, presso Cignano, sulle colline del Chiuso di Cortona, è formata da 4 poderi – La Selva, Val di Capraia, Paggino e Pian dell’Oca, i grandi cru dell’azienda Avignonesi destinati alla coltivazione di vitigni alloctoni. Ha una superficie di 96 ettari di cui 51 sono a vigneto e 1 a oliveto. Vi si coltivano Chardonnay, Sauvignon Blanc, Merlot, Cabernet Sauvignon, che poi vengono tutti vinificati nella cantina di questa azienda. Nei boschi della tenuta La Selva vivono allo stato brado trentacinque esemplari di Cinta Senese.

Az. Agr. La Lombarda (m. 300 s.l.m.)
È un podere di 42 ettari situato in prossimità della fattoria Le Capezzine, nella natura intatta delle colline del Chiuso della Valdichiana. Ha terreni particolarmente adatti alla coltivazione della vite. Attualmente ci sono 20 ettari di nuovi vigneti ad alta densità in cui sono coltivati Sauvignon Blanc, Pinot Nero e Merlot.

Benvenuti nel blog de “Le Famiglie del Vino”

21/02/2010
by

Landscape