Vai al contenuto

Veneto Rosso – Inama

15/11/2011
by
Annunci

Civiltà del Bere | 7 jun 2010

08/06/2010
by

È nato il Consorzio Le Famiglie del Vino

Per far fronte alla sempre più difficile sfida a livello commerciale sui mercati esteri, 10 aziende italiane hanno dato vita di recente a un Consorzio denominato Le Famiglie del Vino. Ne fanno parte nomi importanti della produzione nazionale come Adami Spumanti, Avignonesi, Casanova di Neri, Inama, Saracco, Fattoria La Valentina, Marchesi di Gresy, Marco Felluga, Tenuta Sant’Antonio e Vini Boroli. Alla presidenza è stato eletto Marco Felluga.

«La forza dell’azione consortile», spiega Felluga, «ci consente una più ampia capacità e possibilità di promozione e commercializzazione dei nostri vini di qualità sui mercati esteri, e nel contempo aiuta a migliorare e facilitare i processi di business e di relazione sia con i buyer che con i consumatori finali, costruendo rapporti diretti e improntati sulla fiducia sia verso i produttori che verso i prodotti».

Il Consorzio consente ai consumatori di ritrovare sullo stesso scaffale la più ampia scelta di vini provenienti dall’Italia, rappresentata da alcune tra le regioni più vocate come Piemonte, Toscana, Veneto e Abruzzo, nonché la più completa diversità di vitigni, terreni, sapori e cultura, animati da coltivatori esperti legati dallo stesso amore per la tradizione e la qualità. Anche se nato da poco, grazie alla solidità e alla forza delle grandi aziende che lo costituiscono, il Consorzio Le Famiglie del Vino è già pienamente operativo nelle sue prime tappe a livello internazionale

Boroli

11/03/2010

The Borolis are a piedmontese family who have been in business in the region – first in textiles, then editorial, and now in winegrowing – since 1831.
In the 1990’s, Silavano ed Elena Boroli felt the need to extend their interest and endeavours.

They wanted something that would bring them closer to nature and away from the demands of the contemporary business world.
As Piedmontese, the choice was almost an obligation: making wine in Langa. A passion transformed into work. What could be better?
Wine production isn’t the easiest work it’s consuming, subject to nature, and success can’t always be predicted. But it’s exactly for these reasons that success in this area can give great satisfaction.
In 2000 Achille, the third of the four Boroli sons entered the family wine business.

The culture of wine, includes many things besides the wine itself. In the Boroli’s case, quality is always the common denominator, in their role as wine producers as well as the product itself.

The farm director is the oenologist Enzo Alluvione, assisted by his son Daniele for the vineyards and by Achille Boroli for the marketing and selling. The farm consultant is the oenologist Beppe Caviola. The vines grown are nebbiolo, barbera, merlot, cabernet, sauvignon, dolcetto, white moscato and chardonnay, following the guiot standard of vine raising.
5,000-7,000 kilograms of grapes are produced per hectare, with an average of 1,5 kilos per vinestock and a density of around 4,000 vinestocks per hectare.

Cascina Bompè
The history of this magical place is interesting: the Celts who inhabited the area since the 4th century AD worshipped amongst others “Como”, the god of feasts; the Romans arrived during the first century AD and the name “Como” came to mean a procession of young dancers in honours of the wine god Bacchus…

Cascina La Brunella

This farm is situated in the municipality of Castiglione Falletto, at the heart of Barolo country, in a very panoramic hilly position, at a height of 318 metres above sea level. The property is made up of around 10 hectares. The soil is mainly a medium loamy chalk with sand veins with an east to south, south-westerly exposure and west exposure.

Boroli Piemonte, radici profonde.

“Una famiglia piemontese, imprenditori dal 1831. Prima nel tessile, poi nell’editoria, ora anche nella vitinicoltura.

Negli anni novanta Silvano ed Elena Boroli sentono la necessità di intraprendere qualcosa di nuovo, qualcosa che riavvicini alla natura, fuori dai ritmi forsennati della vita di oggi.
Per un piemontese la scelta era quasi obbligata: il vino in Langa. Una passione che si trasforma in lavoro.
Cosa di meglio?
Un lavoro difficile, impegnativo, i cui risultati non si ottengono mai per caso. Ma proprio per questo di grande soddisfazione.
Nel 2000 entra in azienda Achille, il terzo di quattro figli.
La cultura e il vino, tante cose in comune, innanzitutto qualità. La qualità totale, sempre e comunque.”

Achille Boroli è il titolare dell’Azienda, mentre il direttore operativo è l’enologo Enzo Alluvione, coadiuvato dal figlio Daniele per le vigne. Consulente esterno è l’enologo Beppe Caviola. Il tipo di terreno è in prevalenza argilloso calcareo di medio impasto, ad una altitudine compresa tra i 300 e 400 metri, con esposizione ad est, sud e ovest.

Sono coltivati i vitigni nebbiolo, barbera, merlot, arneis, dolcetto, moscato bianco e chardonnay, con il criterio di allevamento Guiot. Vengono mediamente prodotti 50-70 quintali di uve per ettaro, con una media di 1,5 chili per ceppo e una densità di circa 4.000 ceppi per ettaro.

Cascina Bompè

L’azienda Boroli è formata da due splendide cascine: Cascina Bompè e La Brunella. Cascina Bompè è situata nella località “Madonna di Como”, a un’altezza di 422 metri s.l.m. e  dista soli 5 chilometri dal centro di Alba. Dell’azienda fa parte il cru “Madonna di Como”, il più importante e storico Dolcetto d’Alba.

La Brunella

La Brunella è situata nel Comune di Castiglione Falletto, cuore del Barolo, in una posizione collinare molto panoramica, a un’altezza di 318 metri s.l.m.
Nella zona si trovano famosi cru storici del Barolo, tra cui il Villero, di proprietà della cascina.

Tenuta Sant’Antonio

11/03/2010

Passion, enthusiasm, business skills and experience. Four qualities for four brothers: Armando, Tiziano, Massimo and Paolo Castagnedi. A passion originated in the family vineyards when, as children, they lived in San Zeno di Colognola ai Colli countryside, an area of the extended Valpolicella region which produces the most famous Verona wines from Amarone, Valpolicella to Soave.

The grapes produced by their fa­ther Antonio in those days were sent to the Colognola ai Colli Cantina sociale (cooperative wine-grower’s association), founded by Castegnedi himself. Armando, Tiziano, Massimo and Paolo, the Tenuta Sant’Antonio estate actual owners dedicate themselves with enormous enthusiasm to rural life by working “in the field” with sacrifice and love. Working together they soon began to experience all the various stages and roles of their father’s affairs.

Their keen business sense soon led them to take a new and alternative path that, over time, proved to be useful to wide the foundations of a company that now boasts significant national and international recognition. Forerunners of their time, the Castagnedi brothers actually worked for years as technical consultants for the cooperative nurseries of Rauscedo, creating new “key in hand” systems throughout Italy and gaining such experience as to urge them to make the fundamental decision. In 1989 they decided to buy thirty hectares of land around Mezzane, which, added to the twenty original ones belonging to their father, increased the Tenuta Sant’Antonio vineyards to a total fifty hectares. And this was the turning point.

The Castagnedi brothers decided to produce their own wine by becoming vinedressers, true advocates of quality and extreme professionalism.

“These days speaking of quality, of taking care of the vine branch by branch, of ac­curate and manual selection of the bunches, of low yield per plant, of careful attention when washing the grapes from their being picked to their arrival in the cellar and being bottled, of patiently wait­ing for the wine to mature in new wooden barrels, of its refinement in bottles all goes without saying….but these were rules we embraced over fifteen years ago. In those days this vine culture did not exist and people thought we were crazy! Obvi­ously the painstaking work we put on requires time and professionalism and it involves high labor costs.

Nevertheless, from the very beginning our business philosophy has exclusively been aimed to quality, not just in words but in deeds, and therefore we sacrifice the figures in its honor. And so, if as the French saying goes, good wine is obtained in proportion to one vine to one bottle, at the Tenuta Sant’Antonio we do even better with two vines to one bottle!”. Our clients deserve the best so, for example, we sacrificed the 2001 Amarone because of its weakness. It was a very difficult decision with big loss but it went along with our mission. One company, one story about men.

From a family of four brothers we have a brand that is a sure bet for quality and prestige because Tenuta Sant’Antonio, with loving dedication and sophisticated technology, takes care of the manual work involved throughout the entire life of the grape, from the seed to the bottle, in order to cre­ate that little, fantastic alchemic wine miracle which is pure nectar for the gods.

____________________________________________________________________________________

Passione, entusiasmo, capacità imprenditoriale ed esperienza. Quattro qualità per quattro fratelli: Armando, Tiziano, Massimo e Paolo Castagnedi. Una passione che nasce nelle vigne paterne, quando ancora bambini, lavoravano e vivevano nella campagna di San Zeno di Colognola ai Colli, zona della Valpolicella allargata che produce i più famosi vini scaligeri, dall’Amarone, al Valpolicella, al Soave. Le uve di papà Antonio, a quei tempi, erano destinate alla Cantina Sociale di Colognola ai Colli, struttura fondata dallo stesso Castagnedi. Armando, Tiziano, Massimo e Paolo, attuali proprietari dell’azienda Tenuta Sant’Antonio, si dedicano con vivo entusiamo alla vita contadina, lavorando ‘sul campo’ con sacrificio e amore. Uniti fin da allora, imparano presto a vivere sulla propria pelle tutte le fasi e i ruoli dell’impresa paterna. 
L’avvedutezza imprenditoriale li porta ben presto ad intraprendere una nuova strada alternativa che col tempo si verifica utile per ampliare le basi di un’azienda che attualmente vanta importanti riconoscimenti nazionali e internazionali. Precursori dei tempi, i fratelli Castagnedi lavorano infatti per anni come tecnici consulenti dei vivai cooperativi di Rauscedo, realizzando nuovi impianti ‘chiavi in mano’ in tutta Italia, maturando un’esperienza che li spinge ad un passo fondamentale. Nel 1989 decidono di acquistare trenta ettari di terreno nella zona di Mezzane, che, aggiunti ai venti ettari ‘storici’ paterni, portano i vigneti della Tenuta Sant’Antonio ad un’estensione di cinquanta ettari totali. E qui accade la svolta. I fratelli Castagnedi decidono di produrre il loro vino diventando dei vignaioli, convinti fautori della scelta per la qualità e l’estrema professionalità. Una sfida a quei tempi. Il primo ostacolo è papà Antonio che, depositario della lunga tradizione contadina familiare, non condivide la scelta dei figli di diventare produttori. La decisione di piantare nuove vigne, affiancandole ai vigneti già esistenti, e di edificare la nuova cantina in una zona come Monti Garbi (dal dialetto, aspro, duro), richiese coraggio e la ferma volontà di scegliere per il massimo della qualità sovvertendo le regole di quei tempi, quando la quantità era l’obiettivo aziendale dei produttori di vino. ‘Oggi è scontato parlare di qualità, di cura della vigna tralcio a tralcio, di selezione accurata e manuale del grappolo, di bassa produzione a ceppo, di attenzione alla pulizia dell’uva dalla raccolta alla cantina all’imbottigliamento, di attesa paziente della vinificazione in nuove botti di legno, di affinamento in bottiglia … regole che noi abbiamo sposato più di quindici anni fa, ma allora non esisteva questa cultura della vite e ci guardavano come fossimo matti!

Ovviamente il lavoro certosino del quale ci facciamo garanti richiede tempo e professionalità con costi alti di manodopera: tuttavia fin dall’inizio la nostra filosofia imprenditoriale è stata esclusivamente per la qualità. non a parole, nei fatti e pertanto in nome suo sacrifichiamo i numeri.

Ecco allora che se in Francia c’è il detto che il buon vino si ottiene con la proporzione di una vite a una bottiglia, in Tenuta Sant’Antonio diamo ben di più: con due viti una bottiglia! Ai nostri clienti riserviamo solo il meglio e questo obiettivo richiede a volte delle scelte difficili: per esempio abbiamo saltato l’annata dell’Amarone nel 2001. Non potendo garantire i nostri standard qualitativi abbiamo preferito annullare le prenotazioni, avvisando la nostra clientela della scelta, poco proficua per noi dal punto di vista economico, ma perfettamente aderente alla nostra mission.”

Un’azienda, una storia umana. Da una famiglia di quattro fratelli un marchio che è garanzia sicura di qualità e prestigio, perchè Tenuta San’Antonio cura con amerevole dedizione e sofisticata tecnologia al servizio della manualità tutta la vita dell’uva, dal seme alla bottiglia, per creare quel piccolo grande miracolo alchemico di un vino che è puro nettare per gli dei.

Fattoria Selvapiana

11/03/2010
by

Selvapiana è una tipica fattoria toscana composta dalla villa padronale, dalla cantina e da altri impianti – oramai in disuso – quali il frantoio, i granai e la falegnameria.

Nel Medioevo il centro aziendale era costituito da due torri, di dimensioni differenti, forse adibite ad avvistamento o forse parti di un piccolo castello; le due torri sono oggi racchiuse nelle strutture aggiunte in epoche successive (in particolare nel periodo rinascimentale). Per molto tempo Selvapiana fu il luogo di villeggiatura dei vescovi fiorentini.

Appartenne poi ad alcune famiglie di ricchi mercanti fiorentini, fra cui gli Scalandroni. Acquistata nel 1827 da Michele Giuntini Selvapiana si estende oggi per 240 ettari di cui 45 di vigneto e 31 di oliveto. Cinque sono le generazioni dei Giuntini che qui si sono succedute. Particolarmente meritoria è stata l’opera di Francesco Giuntini Antinori, attuale titolare, che con grande forza e intelligenza si adoperato per restituire al Chianti Rufina il prestigio che la zona ha goduto fino dal 1716, anno del famoso Bando di Cosimo III de’ Medici, in cui la denominazione Pomino veniva annoverata fra le più importanti della Toscana.

Negli ultimi anni la conduzione della fattoria è passata sotto la responsabilità di Silvia e Federico Giuntini Masseti che, impegnandosi nel solco tracciato da Francesco Giuntini Antinori, lavorano a stretto contatto con Franco Bernabei, consulente enologo di Selvapiana a partire dal 1978. La produzione si articola su tre rossi dotati di grande struttura e longevità. Al Chianti Rufina annata si affiancano due cru di particolare pregio: il Chianti Rufina Riserva Bucerchiale e il Chianti Rufina Riserva Fornace. Il parco prodotti è completato dal Vin Santo del Chianti Rufina e dall’Olio Extra Vergine d’Oliva.

Sotto la conduzione di Selvapiana è, infine, la Fattoria di Petrognano (sorta attorno a un’antica torre medievale e acquistata nel 1860 dalla Famiglia Budini Gattai, dopo essere stata di proprietà dei Vescovi di Fiesole) dove viene prodotto un ottimo Pomino Rosso DOC.

Titolare: Francesco Giuntini Antinori

Responsabili conduzione: Silvia e Federico Giuntini Masseti

Consulente enologo: Franco Bernabei Superficie totale 240 ettari

Superficie a vigneto: 45 ettari

Superficie a oliveto: 31 ettari

Numero bottiglie prodotte annualmente da 200.000 a 230.000

_____________________________________________

Selvapiana is a typical Tuscan fattoria consisting of the owner’s villa, the cellars and other buildings – now no longer used – such as the oil mill, the granary and the joiner’s workshop. In the Middle Ages, there were two different-sized towers at the centre of the estate, which may have been watchtowers or part of a small castle.

Today they are incorporated within the buildings added in later periods (particularly during the Renaissance). For a long time Selvapiana was a summer residence for the Florentine bishops. It then belonged to a series of rich Florentine merchant families including the Scalandroni. Purchased in 1827 by Michele Giuntini Selvapiana, the estate now covers an area of 240 hectares, of which 45 are devoted to vineyards and 31 to olives.

Five generations of the Giuntini family have now lived on the estate. The work of the current owner, Francesco Giuntini Antinori, has been of particular merit; with great energy and intelligence he has worked to restore the prestige that Chianti Rufina enjoyed up until 1716, the year of the famous proclamation of Cosimo III de’Medici, when the Pomino denomination was recognised as being one of the most important in Tuscany. In recent years responsibility for running the estate has been taken over by Silvia and Federico Giuntini Masseti. They are sticking to the path forged by Francesco Giuntini Antinori, and continue to work closely with Franco Bernabei, the consultant winemaker at Selvapiana since 1978. Production centres on three full-bodied reds of considerable longevity. Besides vintage Chianti Rufina, there are also two particularly fine crus: Chianti Rufina Riserva Bucerchiale and Chianti Rufina Riserva Fornace. The product range is completed by Vin Santo del Chianti Rufina and Olio Extra Vergine d’Oliva. The Selvapiana estate also manages the Fattoria di Petrognano, which was built around an ancient medieval tower and purchased in 1860 by the Budini Gattai family, after having previously been the property of the bishopric of Fiesole. The Fattoria produces an excellent Pomino Rosso DOC.

Owner Francesco Giuntini Antinori

Managing directors Silvia and Federico Giuntini Masseti

Consultant winemaker Franco Bernabei

Total land 240 hectares

Vineyards 45 hectares

Olives 31 hectares

Annual production between 200,000 and 230,000 bottles

Adami Spumanti

08/03/2010

Historical testimony confirms that, already in the Middle Ages, the hills of the Marca Trevigiana were naturally suited for the production of excellent white wine, sought after for “export to Venice, into Germany and even to the Polish Court” as the court authority of Conegliano, Zaccaria Morosini, wrote in 1606. In the second half of the 19th century, following the disastrous epidemic of phylloxera and downy milden in Europe,Prosecco imposed itself over the other grape varieties cultivated here. On these green hills, well protected from the North by the Dolomites, the basis for a great oenological production was laid thanks to an intensive viticultural renewal.It is within this environment that our story has evolved.

Solid roots of effort and tradition have given the life blood to a plant exuberant and full of fruit. Following grandfather Abele and father Adriano, the youngest generation, Armando and Franco, both of whom graduated in Oenology, have brought to the house of Adami refined technological specialization in the art of producing the fine spumante wines typical of Valdobbiadene. In addition, accurate administration and efficient commercial organization enable to call upon the most prestigious specialists in Italy and abroad. This is how our family expresses the values of our land: sond work, harmony and respect for human relationships, a sense of hospitality, and a continuity between past and present. We are an estate, and above all, a family.

_________________________________________________________________________

Le testimonianze storiche fanno risalire al medioevo la vocazione vitivinicola delle colline dellaMarca Trevigiana. Qui si producevano eccellenti vini bianchi che, come si scriveva nel 1606, erano esportati ed apprezzati “a Venezia, in Germania e fin nella lontana Polonia”. Fu una selezione naturale ad imporre il Prosecco in questa corte enoica dell’alta Marca e soprattutto nell’area di Valdobbiadene dove regna da allora sugli irti pendii delle colline plioceniche. L’ambiente è severo, siamo a ridosso delle prime vette dolomitiche, ma ben protetto e baciato dalla calda luce del mezzogiorno. È qui, in questo ambiente dalle ben solide radici di fatica contadina e dalle ricche tradizioni, che comincia la nostra storia. Nel 1920, nonno Abele acquistò dal Conte Balbi Valier un vigneto naturalmente disposto ad anfiteatro. Bello e ricco di promesse. Una terra con cui ricominciare. Assieme al figlio Adriano, nonno Abele creò un legame che non si è mai più sciolto: il Prosecco di Casa Adami.

E il Vigneto Giardino, questo il suo nome a testimonianza di un’intuizione, si rivelò prodigo di uve per eccellenti vini. Le giovani generazioni hanno avuto il compito di portare la tecnologia in cantina. E così Armando e Franco, diplomati in enologia, hanno saputo rinnovare la passione e l’esperienza dei padri con la cultura e gli strumenti della modernità. È stato un paziente lavoro d’interpretazione e riconversione delle antiche pratiche alla luce delle nuove scoperte scientifiche. Tutto in cantina è controllato, sperimentato, ricercato per una qualità voluta e seguita fin dallo sbocciare delle gemme in aprile. Una qualità che fa del Prosecco Spumante di Casa Adami un grande spumante nazionale. In Casa Adami modernità equivale anche ad una organizzazione interna e commerciale razionale ed efficace, un servizio vincente nella competizione con un mercato ed un pubblico, qual’ è quello dell’ enogastronomia sia professionale che privata, sempre più preparato ed esigente. La nostra famiglia esprime così i valori della propria terra: il lavoro e l’armonia, nel rispetto dei rapporti umani, in una profonda continuità culturale tra passato e presente. È questo il protocollo di qualità di Casa Adami.

Azienda Agricola Saracco

08/03/2010

The Saracco winery is located in the picturesque village of Castiglione Tinella.
Castiglione Tinella is located uniquely in the heart of the Piedmont Region called the Langhe which is famous for great wine and incredible cuisine; between two of the most well known towns in the Piedmont: Alba and San Stefano Belbo.

Grapes were first cultivated in the hills surrounding Castiglione Tinella in the 1600’s and though many different grape varieties were planted Moscato proved to be the perfect grape for this appellation.
For four generations the Saracco family has been dedicated to growing the best Moscato d’ Asti in the region.

________________________________________________________________________

Agli estremi confini della provincia di Cuneo, dove le ultime colline di Langa si affacciano sul Monferrato, c’è uno dei paesi il cui territorio è per oltre il 90% della superficie agricola, coltivato a vite; Castiglione Tinella è per questo motivo uno dei comuni più vitati d’Italia.

Siamo a 25 km da Alba e da Asti; dal punto più alto del paese si diramano tre dorsali maggiori che digradano verso la Val Tinella e la Valle Belbo; vigne infinite salgono e scendono rincorrendosi fluttuanti, tele di storia intrise dalla fatica dell’uomo che, ogni sera, assorbono il colore del sole al tramonto.

E’ qui che ha sede l’Azienda Agricola Saracco, fondata nei primi anni del ‘900, che da sempre ha un forte il legame con il

territorio le sue tradizioni, nel rispetto di quell’equilibrio sottile che mantiene vive le emozioni racchiuse in un prodotto magico come il vino.

Tre generazioni di vignaioli hanno selezionato negli anni le vigne meglio vocate, arrivando oggi ad avere una superficie di 46 ettari di vigneti tutti nel territorio di Castiglione Tinella.

Oggi la produzione raggiunge le 400.000 bottiglie l’anno di Moscato alle quali si aggiungono altre 12.000 fra Chardonnay delle Langhe e Bianco Riesling.

L’Italia accoglie il 50% della produzione mentre l’altra metà è destinata al mercato estero.